Rivista dell'Università in Movimento
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Dieci granelli di sabbia

Come contrapporre le forze dei singoli o di piccoli gruppi ai grandi poteri che ci governano? Perché impegnarsi personalmente, magari rischiando in proprio, se collettivamente regna il disimpegno?  Perché battersi per l’università pubblica se ogni sforzo sembra votato al fallimento? menodizero nasce per non rispondere a queste domande. Esse partecipano della logica del dominio e tendono a perpetrarla. Uno dei pilastri  su cui oggi si regge il dominio, difatti, è quello secondo cui il mondo non è trasformabile. Questa convinzione, mediaticamente diffusa e dotata di valore simbolico dall’industria della cultura e dai suoi impiegati, è stata interiorizzata dagli stessi dominati, finendo per conformare le loro azioni alle strutture dei poteri prevalenti e contribuendo così alla loro conservazione.

Le donne e gli uomini di cultura, nella loro condizione di lavoratori della conoscenza, sebbene umiliati e marginali, forti delle loro competenze possono smascherare le pseudo-verità prodotte dagli apparati del dominio e, come ha scritto Pierre Bourdieu, «gettare il loro granello di sabbia nel gioco ben oliato delle complicità rassegnate». Ecco dove menodizero intende gettare i suoi granelli:

 

1)  Sul monopolio delle minoranze politiche e accademiche getta il granello della partecipazione diretta e responsabile

2)  Sulla banalizzazione, e derealizzazione dei media getta il granello della riflessione critica

3)  Sulla legge dell’utile e dell’immediatamente fungibile getta il granello dell’elaborazione teorica

4)  Sul conformismo del pensiero neoliberista getta il granello della molteplicità dei punti di vista

5)  Sull’insipienza e sulla strumentalizzazione politica getta il granello della proposta costruttiva

6)  Sulle lotte per la conservazione del potere getta il granello del dialogo intergenerazionale

7)  Sulla settorializzazione dei saperi e sull’iperspecialismo dei lavoratori della conoscenza getta il granello  del confronto interdisciplinare

8)  Sull’enfasi del linguaggio giornalistico e sulla banalità dei gerghi correnti getta il granello di una lingua colta e rigorosa

9)  Sull’oscurità dei linguaggi specialistici  e sul settarismo dei gerghi tecnici getta il granello di una lingua chiara e dimostrativa

10) Sulla dispersione, frammentazione e intermittenza dei movimenti di protesta getta il granello di un impegno militante costante nel tempo.

Ultimo aggiornamento 31.05.10