Rivista dell'Università in Movimento
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Le speranze dei trentenni
Passato / Presente - Biblioteca
Emanuela Annaloro    16.05.10

Keith Gessen, Tutti gli intellettuali giovani e tristi, Einaudi, Torino 2009

 

Il romanzo di Gessen racconta la storia di tre intellettuali non ancora trentenni. Si tratta di Sam, un giovane studioso ebreo che aspira a scrivere l’epopea sionista, di Mark, dottorando a Syracuse e storico dei menscevichi russi, e di Keith, che si è laureato ad Harvard ed è un promettente commentatore politico. Il romanzo si divide in tre parti e ogni parte si articola in tre capitoli a cui si aggiunge il prologo affidato a Mark. Di ciascun capitolo è protagonista uno dei giovani intellettuali. Abbiamo così una struttura calibrata e tripartita che lascia correre in parallelo (con tecnica cinematografica) le storie dei protagonisti. Sam, tra fallimenti amorosi e molte perplessità, rinuncerà a scrivere la sua epopea e  si recherà  nei Territori occupati a toccare con mano la realtà del conflitto israelo-palestinese. Mark assisterà impotente al naufragio del suo matrimonio con Sasha e rinuncerà alle relazioni con Celeste e Gwyn, per concludere la sua tesi di dottorato e intraprendere la carriera accademica. Keith, sfiorato da una relazione con la figlia del vicepresidente e demoralizzato dalla seconda vittoria elettorale di Bush, tornerà con l’elezione di Obama a sperare nel futuro, accettando di mettere al mondo un figlio.

Ad una prima lettura del romanzo si notano due aspetti. Il primo riguarda la continua sovrapposizione (a tratti troppo facile) di ambito pubblico e sfera privata. Il secondo aspetto riguarda invece il rapporto che intercorre fra passato e presente. Dal primo aspetto deriva il tono disforico e l’atteggiamento depressivo dei personaggi, ovvero la loro «tristezza» sintetizzata nel titolo. Dal secondo aspetto scaturisce invece la caratterizzazione generazionale di Sam, Keith e Mark; si tratta infatti di «giovani»  che guardano al passato con un misto di ammirazione e impotenza. Si direbbe che sono nani schiacciati dai giganti.

Ad una lettura più attenta si notano altri elementi che sfumano le prime grossolane impressioni. Intanto i continui paragoni fra Storia e storie non giocano solo a svantaggio delle seconde. La ripetuta giustapposizione di vicende private e di sfera pubblica, infatti, da un lato minimizza le prime, dall’altro però mostra l’inaccessibilità della seconda. Usando e a volte abusando di stilemi ironici e ad effetto, Gessen sembra dirci insomma che nella nostra storia c’è una grandezza che non può più essere attinta e una piccolezza consapevole di essere tale che non può ancora essere superata. Il tono ironico-disforico lascia quindi trapelare una tensione.

Ancora più articolato è il rapporto fra giovani intellettuali e tradizione, o se si preferisce, fra giovani e maestri. Dai primi passi compiuti nel campo intellettuale da Mark, Sam e Keith emerge il loro iniziale spaesamento: ci sono grandi e piccoli maestri di cui istintivamente ammirano la lezione senza tuttavia riuscire a reinterpretarla. Si tratta dei maestri del pensiero democratico (come Abraham Lincoln per Keith), del pensiero antagonista (come l’ebreo antisionista Lomaski per Sam), o più modestamente dell’impegno intellettuale serio e quotidiano (come il relatore della tesi di Mark).  Ci sono poi i cattivi maestri. Si tratta degli intellettuali quarantenni e cinquantenni (di cui nel romanzo è chiara espressione il brillante Morris Binkel) che accomodati sulle rovine danno seguito alle loro carriere. La loro lezione, sentita come ben più accessibile, è esplicitamente rigettata. Al loro successo, fa intuire Gessen, seguirà l’oblio.

I tre personaggi - volti diversi di una medesima condizione - seguono pertanto un’identica parabola: escono da un’adolescenza prolungata invecchiati ma non induriti, subiscono ferite narcisistiche e fallimenti sentimentali, sperimentano senso di precarietà e di frustrazione; eppure, ad una nuova curva della storia (l’elezione di Obama), si slanciano con una spontaneità sorgiva  - la stessa che si riscontra nella cifra stilistica assunta da Gessen - verso un rinnovato impegno. Lo sfascio da cui provengono, direbbe Fortini, è per loro un principio ben più che una fine. 

Allegati:
Scarica questo file (LE SPERANZE_DEI_TRENTENNI.pdf)LE SPERANZE_DEI_TRENTENNI.pdf[Le speranze dei trentenni]161 Kb
 

Commenti 

 
0 #1 Silvia Costantino 2010-09-30 12:57
Ma davvero "Lo sfascio da cui provengono, direbbe Fortini, è per loro un principio ben più che una fine."?
A mio parere il finale è solo apparentemente ottimistico. Un unico esempio: Mark che rimane titubante fino in fondo - conseguire il dottorato o partire?
Alla fine parte, ma perché? Perché ha davvero deciso, perché ha paura, perché non sa cosa fare se non posticipare?
Il romanzo di per sé ha dei limiti, secondo me evidentissimi proprio per quel che riguarda la costruzione dei personaggi, ma è interessante proprio la condizione di incertezza e non-definizione che li caratterizza. Sono d'accordo con lei sulle parabole parallele che contraddistingu ono i tre, ma non vedo il principio dopo la fine: a mio parere il finale è solo fintamente ottimista, ed è invece estremamente ironico. Velleitario, direi.
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna